Make your own free website on Tripod.com


questo sono io Ciao, io sono Yorco. Questa è la mia pagina internet. Sono contento adesso che ho fatto la pagina su internet, un mio amico, Pira, mi diceva sempre di farla ma io non avevo mai tempo perchè dovevo lavorare alla cascina, e non sapevo come fare il titolo. Allora ho chiesto a Pira di farmi il titolo, e lui ci ha lavorato un mese intero. Quella che vedete qui di fianco è la mia foto di quando uscivo dal convegno di coltivatori di barbabietole. Io abito a Pavia e ho una cascina in centro. La mia cascina è bellissima, e la mia passione è coltivare le barbabietole da zucchero. Ora però non coltivo solo barbabietole da zucchero, che all'inizio erano le uniche che mi davano soddisfazione, ma coltivo tutti i tipi di barbabietole. Infatti le barbabietole si possono dividere nei seguenti gruppi: a) - da zucchero; b) -semízuccherine (per distilleria); e) barbabietole da foraggío; d) barbabietole da orto, distinte in barbabietole rosse, di cui si usano le radici tuberizzate, e barbabietole da costa, di cui si utilizzano piccioli e foglie. Numerosi sono i sinonimi della Beta vulgaris; l'index kewensis ne elenca una trentina. La barbabietola ha fusto alto diversi decimetri, foglie ovate, fiori piccoli, verdi, bellissimi, di una bellezza sovrannaturale che non sembra appartenere a questo mondo, disposti in gruppi (detti glometuli) su spighe lunghe e lasse, solitarie o riunite in pannocchie; il frutto è un otricolo globoso e coria- ceo, con seme pure globoso e orizzontale. Con il nome di glomeruli sono conosciute anche le fruttescenze. Tutte le forme di barbabietole contengono zucchero e sono impiegate da epoche assai remote per usi alimentari e medicinali; più recente, invece, è rimpiego per la preparazione dello zucchero e dell'alcool, che risale agli inizi del secolo scorso. Le forme coltivate, biennali, nel primo anno sviluppano la radice fittonante e più o meno carnosa e una rosetta di foglie, impiantate su un brevissimo e ridottissimo fusto, bellissimo, di una bellezza sovrannaturale che fa pensare all'opera divina, detto testa (o colletto), che è la parte più povera di saccarosio, ma non per questo meno bella; nel secondo anno i fusti fioriferi. Talvolta, quando la semina è precoce e seguita da lunga stagione fredda, si può avere la prefioritura, per cui le bietole vanno a seme nel primo anno, ciò che provoca uno sviluppo ridotto delle radici e una diminuzione quantitativa e qualitativa del raccolto, specialmente dannosa per l'agricoltore nel caso della barbabietola da zucchero. La Barbabietola da zucchero (Beta vulgaris, sottospecie rapa) rimane comunque la mia prima passione e il mio primo amore. La coltivazione di questa pianta e lo sviluppo dell'ndustria saccarifera connessa si sono affermati neI'Europa centrale da 100 anni e più tardi in Italia; ma già nel 1747 Marggraf aveva estratto zucchero cristallino da radici di barbabietola. La maggior diffusione della coltura si ha nella Valle Padana, però si estende anche in regioni centrali e sporadicamente nel Sud. Ecco qui sotto due belle immagini di barbabietole del mio orto:

Stupenda barbabietola da zucchero

Barbabietola rossa da orto
Ora volevo parlare di un'altra mia grande passione: le donne nude. Le donne nude mi piacciono moltissimo infatti quando ne vedo una sono contento. Ho trovato su internet ben tre foto di donne nude e mi sono piaciute moltissimo. Delle cose che mi piacciono di più delle donne nude sono il seno e il sedere. Anche la faccia, però, ma quella si vede anche quando sono vestite, in genere. Chissà come fanno in quei paesi arabi dove le donne sono sempre tutte vestite e hanno anche la faccia coperta? Io me lo chiedo sempre. A me piace l'estate e la spiaggia perchè ci sono tante ragazze in costume e anche quasi nude, penso che tutto questo sia bellissimo, più delle barbabietole forse, anche se per le barbabietole ho una passione di un altro tipo.



Ora volevo dedicare un piccolo spazio a due miei amici: il Drummer e Pira
Qui c'è una foto dove si stanno togliendo le caccole a vicenda, quello sulla sinistra è il Drummer e l'altro è Pira. Il drummer è un ragazzo veramente bravo e simpatico anche se ultimamente si è tagliato i capelli. Anche Pira è abbastanza simpatico solo che secondo me è un pò handicappato e a volte non lo capisco. Il Drummer suona la batteria in un gruppo bravissimo che però non mi ricordo come si chiama. E'veramente un bravo batterista, quando suona sembra un'orchestra sinfonica in riva al mare in tempesta. Inoltre anche lui è un appassionato di barbabietole e ci facciamo sempre su dei bei discorsi. Anche con pira parlo spesso di barbabietole ma lui non capisce un cazzo, è da un pò che non riesco a farci un discorso perchè quando parla non si capisce niente. Ho anche un'altra bella foto del drummer:
Di Pira non ne ho più ma lui ha un sito su internet che non ho ancora visto, lì secondo me ci sono: I Fumetti della Gleba

Sei il visitatore n. yorco@technologist.com soprattutto se ti piacciono le barbabietole e le donne nude.



Questo sito aderisce al fronte di
intolleranza umana contro gli extraterrestri